22 ottobre Sport Popolare a Torino, voglia di (r)esistere.
22 ottobre Sport Popolare a Torino, voglia di (r)esistere.

22 ottobre, sport popolare a Torino, voglia di (r)esistere.

Quale futuro per lo Sport Popolare? Chiamata per una giornata condivisa ed un'assemblea di confronto.

schivare e colpire, incassare, provare a colpire di nuovo, schivare ancora... quando quel gancio ti prende in pieno volto, ecco, proprio allora devi trovare la forza dentro di te, la forza che ti viene dai tuoi compagni e dalle tue compagne e tornare a colpire con ancora più forza.

Nel giorno 03/10/22 veniva sgomberata, dopo 5 anni di occupazione, L’Edera Squat, e con essa la palestra Iris Versari. La voglia di continuare a praticare sport e portare avanti il progetto nel quartiere popolare di Lucento Vallette conduce il collettivo della Iris ad occupare, un mese dopo lo sgombero, una struttura sportiva abbandonata poco distante, realizzata con fondi pubblici nei primi anni 2000 e mai inaugurata. Anche grazie al sostegno di individualità solidali e di altre realtà di sport popolare, vengono realizzati gli impianti e i pavimenti, così si reiniziano i corsi e nuove persone si avvicinano alla pratica sportiva autorganizzata e politicizzata.

Nell’estate del ’23 il comune di Torino mette a bando la gestione della struttura ed il 27 settembre la SSD Centro Sport, già gestionaria di un grosso impianto in Piazza Robilant, si aggiudica la riqualificazione dell’area, per più di un milione di euro. I fatiscenti campi da calcetto, oggi utilizzati quotidianamente da ragazzi e ragazze di zona saranno cancellati, per lasciare spazio a impianti privati a pagamento di padel, tennis e beach volley.

La Polisportiva Occupata Iris Versari è quindi oggi sotto sgombero.

La storia della Iris Versari è solo uno dei tanti esempi di come realtà dal basso che hanno a cuore un’idea di sport autogestito, libero ed accessibile, vengono messe sotto attacco. Oggi succede a noi, ieri è successo ad altre realtà e sicuramente questa tendenza non cambierà da sola nel futuro prossimo. Pensiamo che tali questioni abbiano una portata collettiva, per questo vorremmo affrontarle in modo condiviso all'interno di una rete di sport popolare che sappia dare supporto e sostegno oggi all'Iris, domani a qualsiasi altra realtà che abbia bisogno di una forza collettiva solidale.

Quali prospettive possono esserci di fronte ad un comune che continua a privatizzare quei già pochi luoghi pubblici ed accessibili liberamente per lo sport? Che risposte e strumenti applicare in una città in cui "fare sport" diventa sempre più appannaggio di chi ha i soldi? Che strumenti avere per il futuro se uno spazio sportivo popolare viene sgomberato?

Vogliamo lanciare domenica 22 ottobre un momento di confronto su questi temi, con le realtà e le individualità che hanno a cuore la pratica sportiva autogestita e collettiva, che vivono le palestre e i campi come luoghi dove praticare sport e fare aggregazione, non come luoghi di profitto.

-----------------------------------

Vorremmo proporre due temi durante la discussione:

1) Confronto ed approfondimento tra le diverse esperienze e modalità di sport popolare, confrontandone punti di forza e criticità.

Chiediamo alle varie realtà di portare una breve presentazione che si focalizzi su questi punti:

- Inquadramento politico e sociale: cosa significa per voi sport popolare? Ritenete fondante rapporto con il quartiere in cui siete?

- In pratica: siete un collettivo sportivo all'interno di uno spazio occupato? un gruppo di amich* che si allena autonomamente? una associazione sportiva in affitto o in concessione? Gestite la parte burocratica legata ad assicurazioni e certificati medici? Vi organizzate attraverso assemblee, gruppi gestionali, direttivi?

- Avete mai subito un attacco, diretto o indiretto, da parte delle istituzioni? Vi siete mai confrontat* con uno sgombero, un mancato rinnovo di concessione, un aumento dei canoni, una operazione repressiva? Come avete reagito a riguardo?

//Su questo punto, se qualche realtà che ritiene di avere esperienze o info rilevanti non può essere presente, accettiamo volentieri anche scritti o audio//

2) Vogliamo ripensare e immaginare nuovi modi e pratiche per avvicinare chi pratica sport all'interno di realtà che si definiscono popolari. Esiste una rete formale (Torino Sport Pop), una rete informale di palestre, molte conoscenze dirette tra diverse realtà di sport. Cosa possiamo fare assieme? Come possiamo rendere più forte una rete di sport popolare?

E, ovviamente, costruire legami umani e di intenti politici senza i quali i primi due punti non avrebbero motivo di esistere.

-----------------------------------

La giornata avrà inizio alle ore 14 con un riscaldamento collettivo seguito da allenamenti di acroyoga e pugilato e partitelle nei campetti. Dalle ore 16 inizieremo l'assemblea, per concludere con musica, aperitivo e birrette!

Domenica 22 ottobre 2023 strada altessano 58/A Torino

6 months ago
Polisportiva Occupata Iris Versari
Str. Altessano ang Via Sansovino