Free(k) Pride! Frocification
Free(k) Pride! Frocification
2 months ago
piazza Carlo Felice, Torino
Piazza Carlo Felice 60, Torino

Sabato 8 ottobre
Free(k) Pride! Frocification
appuntamento alle 15 in piazza Carlo Felice

Frocie, mostrә, devianti! La freek attraverserà le strade di Torino anche quest’a(n)no nella sua versione autunnale, e anche quest’anno attraverseremo le strade con i nostri corpi e le nostre menti eccedenti, non conformi alla norma. Una norma ciseteropatriarcale, repressiva, capitalista, colonialista in cui non ci riconosciamo.

PERCHÉ L’8 OTTOBRE?

Dal 6 al 9 ottobre si terrà a Torino il meeting annuale della European Pride Organizers Association (associazione che riunisce i comitati organizzatori dei pride europei filo-istituzionali). Il modello verso il quale si muovono queste organizzazioni è un modello di fare pride istituzionalizzato, ripulito, sponsorizzato, recintato. Non vogliamo perdere – anche noi – questa occasione: l’occasione di presentare un modo di fare pride alternativo a questo modello, un pride critico, senza sponsor, senza sfilate delle forze dell’ordine, un pride anticapitalista e dissidente.

Viviamo in una città dove la repressione di chi lotta fuori e contro la gabbia istituzionale è da tempo la norma. Una città dove magistratura e polizia utilizzano un codice penale costruito come arma di guerra ai poveri e alle soggettività politiche e sociali dissidenti per mettere a tacere ogni forma di contestazione reale. La violenza istituzionale la ritroviamo alle frontiere, nei CPR, nelle strade di una città dove i poliziotti ricattano le libere donne migranti chiedendo favori sessuali in cambio del permesso di soggiorno. È la violenza misogina e cattofascista che ha reso sempre più difficile accedere ad un aborto libero e sicuro. È la transfobia di stato, la violenza dell’attesa, la burocrazia infinita portata avanti da giudici, medici, psicologi cis che uccide le persone trans, è la violenza del capitalismo che produce morte e devastazione ambientale e, non ultimo, un cambiamento climatico le cui conseguenze abbiamo toccato con mano in Piemonte, una regione che si traveste di “verde” ma che ha visto quest’estate una siccità senza precedenti. È la violenza delle riqualificazioni escludenti che stanno investendo i quartieri popolari, la violenza degli sfratti di chi non cè ce la fa più ad arrivare a fine mese, perchè intere generazioni di giovani precariu e vecch pover non riescono a pagare affitti e bollette. È la violenza del capitalismo arcobaleno “senza fronzoli” che va a braccetto con l’oppressione eteronormativa, con una normalità che nega le nostre identità erranti, libere e mostruose.

Non vogliamo assimilarci, diventare frocie pulite, rifiutiamo ogni dimensione gerarchica. La strada delle frocie borghesi e per bene non è la nostra. Non ci adatteremo mai al sistema dominante, figlio di un modello cis etero e monogamo di famiglia tradizionale.

Vogliamo una città più frocia, più transfemminista, antirazzista, antispecista, antifascista e anticapitalista, rifiutiamo ogni ingerenza sui nostri corpi, ogni logica binaria e ogni tentativo di dipingerci sempre e solo come vittime.

Vogliamo che la paura cambi di campo. Vogliamo liberarci dei preti di ogni religione, dei tutori dell’ordine patriarcale, dei politici che ci vorrebbero soggetti deboli da tutelare.

Le strade libere le fanno le soggettività libere e mostruose che le attraversano.

Frocification! ✨🦄✨