Gran pranzo benefit!
Gran pranzo benefit!

Le OstiNate vi invitano DOMENICA 3 marzo 2024 alle 13 ad un gran pranzo benefit realtà educativa autogestita della val Chisone. Antipasti, primo, secondo con contorno e dolci opzioni vegetariane e vegane 15€ adulti e 10 bambini bevande escluse. A seguire concerto del gruppo musicale di giovanissimi "Strappacapelli". Il tutto nelle mura di El paso via passo buole 47 Torino. Prenotazioni entro giovedì 29 febbraio al numero 3466737160.

Volantino:

A novembre abbiamo scelto di sostenere uno

spazio di vita comunitaria autogestito delle Marche dove si

sperimenta un nuovo modo di vivere in campagna tra autodeterminazione alimentare e socialità popolare, oggi

torniamo nel nostro territorio per dare sostegno a una realtà educativa autogestita, pe rché crediamo

nell'autogestione e riteniamo che sia una pratica fondamentale per riappropriarci delle scelte sulle nostre vite.

Salute e lunga vita alle autogestioni!

le OstiNate 3 marzo 2024

Comunicato del gruppo

La Bianca Piuma

Il gruppo informale

La Bianca Piuma si incontra e opera in una borgata di montagna della Val Chisone e nasce

per portare ai bambini e alle bambine una pedagogia che dia loro la possibilità di un sano sviluppo. Un luogo

dove l’ essere umano ritorni al centro dell’educazione e dell’istruzione, dove possa sviluppare appieno la

propria essenza e sapienza verso un reale benessere di corpo, mente, spirito.

Per come stanno andando gli avvenimenti, riteniamo necessario intraprendere percorsi nuovi e liberi, non solo

per l’istruzione ma per ogni aspetto del vivere. Vogliamo dedicarci a soddisfare veri bisogni, cancellare decenni

di condizionamenti e cercare la verità insieme.

Proponiamo di meditare profondamente sul senso della vita, sul significato dell’essere umani su questa terra

e di decidere, senza indugio di tempo, come orientarsi per il futuro. Tutto corre velocemente, non ci possiamo

permettere di farci travolgere. Dobbiamo allora incontrarci, confrontarci e capire come poter procedere. In

questo cammino non sono stati pochi g li ostacoli che abbiamo incontrato a partire dal momento delle chiusure

in cui abbiamo dovuto traslocare più volte, incontrare confronti difficili, contrasti con vicini, anche con amici,

persino con i familiari. Molti allora hanno perso il lavoro e tante s ono state le difficoltà economiche che tuttora

persistono. Le istituzioni ci rincorrono, ci vogliono spegnere, sovente con la complicità inconsapevole di

cittadini ligi ad un ordine che tale non è, presuntuosamente saliti sul carro della saccenza per farsi dire bravi

da un sistema che mai come ora li sta massacrando senza che nemmeno se ne accorgano.

Figlia di questa situazione è la denuncia di cui siamo stati vittime ultimamente. Siccome i bambini e le bambine

del gruppo, invece di stare chiusi in casa o di fare attività varie in modo compulsivo, giocano fuori in libertà,

alcuni “cittadini del territorio” così descritti dal maresciallo dei carabinieri, senza peraltro avere il coraggio di

dire il loro nome, ci hanno denunciati dichiarando che i nostri picco li “si aggiravano per il comune incustoditi

anziché stare nei banchi scolastici”. Questo non sarebbe niente se chi deve tutelare i cittadini e far rispettare

la legge, dimostrando in questo caso di non conoscerla affatto, non avesse avviato una “indagine”

coinvolgendo il Sindaco, gli assistenti sociali e la dirigente del plesso della scuola statale del luogo.

L’incontro del pettegolo cattivo con i vari ignoranti incompetenti raggiunge allora il massimo dello squallore

quando il solito maresciallo manda tut to in procura dove altri incompetenti istituzionali mandano avanti il tutto

con gran solerzia.

Questo si traduce in una notifica di reato nei confronti dei genitori, infarcita d’ inesattezze, che ci porta dritti

davanti al giudice. Il 24 novembre 2023 abb iamo affrontato la seconda udienza e la discussione di questa

farsa avverrà il 9 febbraio 2024. Ecco come donne e uomini, che non hanno commesso alcun reato, devono

assumere un avvocato, perdere tempo, danaro e tormentarsi l’animo, subire calunnia ed esser e trattati con

poco rispetto dalla setta del potere istituzionale. Questa è una violenza del potere che non è giusto subire e

che vogliamo poter raccontare a tutti, con tutti i particolari, per informare il più possibile di quanto il sistema,

fintamente ig norante, sia deciso nel perseguire chi non si piega e che agisce secondo un ideale, per il sano

sviluppo di bambini e bambine, per una società più sana e per un futuro di uomini e donne libere e consapevoli.

Il modo migliore

per conoscere la nostra realtà è farne esperienza diretta, vieni a trovarci!

Contatti:

mariasole.avanzi@hotmail.it

chiara@autistiche.org

in 10 days
El Paso Occupato
Via Passo Buole, 47, Torino
Add to calendar
Download flyer