Assemblea pubblica Defend Kurdistan
Assemblea pubblica Defend Kurdistan
6 days ago
Main Hall Campus Luigi Enaudi
Lungo Dora Siena 100/a

Assemblea pubblica verso il presidio di sabato 3 dicembre.

Rompiamo il silenzio sui bombardamenti turchi sulla siria del Nord Est

Dopo mesi di crimini di guerra, guerra chimica e massacri nelle montagne del Kurdistan, Lo Stato turco ha attaccato numerosi obiettivi nel Rojava (Kurdistan occidentale/Siria settentrionale) e nel Başûr (Kurdistan meridionale/Iraq settentrionale) con bombardamenti di vasta scala. Da Şehba a Kobanê, Dêrik, fino a Şengal e ai monti Qendîl, un fronte di circa 700 km è sotto il fuoco pesante dell’aviazione turca. Allo stesso tempo l’Iran prosegue e intensifica le proprie azioni di repressione contro il popolo curdo e altri in territorio iraniano (Rojhîlat). Con il recente attentato a Taksim - Istanbul, Erdogan e l'AKP-MHP sperano di distrarsi ulteriormente dalla sconfitta subita nel Kurdistan meridionale contro le Forze di Difesa del Popolo (HPG, guerrilla curda) e di fornire una giustificazione per l'intensificazione della guerra contro i curdi in Rojava/Siria settentrionale e orientale. Ma nonostante i droni, la guerra chimica e il terrore senza sosta contro il suo stesso popolo, il regime di Erdogan non è riuscito a piegare la resistenza del popolo curdo poiché questa rivoluzione ha dimostrato alle persone di tutto il mondo che un modo diverso di vivere insieme è possibile e che vale la pena lottare - insieme. Questi attacchi sono un attacco a tutte le persone che sono al fianco del Movimento di Liberazione del Kurdistan, ed è per questo che è ora che tutti i popoli, spalla a spalla, difendano il Kurdistan da questa aggressione fascista. È ovvio che questi attacchi sono illegali secondo il diritto internazionale. Eppure la NATO, gli armamenti degli Stati occidentali e la Federazione Russa sembrano sostenere questa aggressione. Come popolo e forze democratiche di tutto il mondo abbiamo il dovere e la necessità di agire! La resistenza del popolo nel nord della Siria, nel sud del Kurdistan e nel nord del Kurdistan/Turchia e soprattutto la rivoluzione delle donne in Rojhîlat/Iran hanno messo il fascismo in un angolo. È ora di abbatterlo!