SERATA BENEFIT OPERAZIONE BIALYSTOK
SERATA BENEFIT OPERAZIONE BIALYSTOK

GIOVEDì 25 MAGGIO

SERATA BENEFIT IN SOLIDARIETA' ALLE COMPAGNE E AI COMPAGNI IMPUTATI NELL'OPERAZIONE BIALYSTOK

IL BENEFIT SARA' PER LE SPESE LEGALI

Dalle ore 18 AGGIORNAMENTO SULL'OPERAZIONE

Dalle ore 19 APERITIVO

Dalle ore 21 OPEN MIC TRAP, HIPHOP & GUEST

Da Mezzanotte DJSET 42 ORIZZONTALE

“Vogliono che voi vi sentiate membri della società borghese e dimentichiate il bisogno di distruggerla. I nostri nemici si preoccupano sul serio dell’opinione della maggioranza? Suvvia! Quando c’è sciopero e gli operai – la maggioranza di una città – si ribellano, loro rispondono con le pallottole o il carcere. La democrazia vi dice: “Parla di quello che vuoi, scrivi quello che vuoi ma… non toccare la proprietà privata, né lo Stato!”
"tratto da “La Democrazia”, firmato comunisti anarchici russi, in “Anarchici di Bialystok 1903-1908”

 La mattina del 12 Giugno del 2020 i Reparti Operazioni Speciali dei carabinieri mettono in scena l’ennesima operazione anti terrorista contro gli anarchici e le anarchiche in italia a firma della procura di Roma.
Tre anarchici e due anarchiche finiscono nelle carceri dello stato e inizialmente due rimangono reclusi ai domiciliari.
Tra le accuse mosse nei loro confronti la solita associazione sovversiva con finalità di terrorismo e istigazione a delinquere.
Tra le principali motivazioni dell’inchiesta l’attacco, tramite ordigno esplosivo, alla caserma dei carabinieri di San Giovanni a Roma,
l’incendio di diverse auto car-sharing ENI-enjoy, presidi sotto le mura di diverse carceri, l’organizzazione di dibattiti, assemblee e concerti benefit.
Ancora una volta l’obiettivo del potere è quello di colpire chi si rivendica la solidarietà come pratica offensiva e supporta attivamente i compagni e le compagne rinchiuse nelle prigioni dello stato.


Il giorno 29 Settembre 2022 è stata emessa la sentenza di primo grado che ha visto 6 anarchicx sotto accusa per diverse tipologie di reati, dall'associazione con finalità di terrorismo (art. 270bis cp)all'attentato terroristico (art. 280 cp), dal danneggiamento all'incendio, passando per l'istigazione a delinquere fino a reati di più lieve entità, come presidi non autorizzati e imbrattamenti, il tutto aggravato dalla finalità di terrorismo.
Dopo quasi 9 ore di camera di consiglio la sentenza è stata emessa;
Tuttx lx imputatx sono statx assoltx dall'accusa di associazione con finalità di terrorismo, dalla finalità di terrorismo per quanto riguarda i reati specifici, così come dai reati di istigazione (art 302 e 414 cp).


L'imputato accusato di incendio di alcune macchine del car sharing Enjoy di proprietà della multinazionale Eni è stato condannato ad un anno di reclusione. L'accusa di incendio è stata derubricata a danneggiamento seguito da incendio, ed è stata esclusa anche per quest'azione la finalità del terrorismo. La pena per lui è sospesa ma è stato condannato a risarcire le parti civili (Eni Fuel Spa e Eni Spa).


L'imputato accusato di attentato con finalità di terrorismo per l'attacco esplosivo alla caserma dei Carabinieri di San Giovanni è stato assolto dall'accusa per non aver commesso il fatto. E' stato invece condannato a 45 giorni per la partecipazione ad un presidio non autorizzato sotto il carcere di Sollicciano a Firenze la notte del 31 Dicembre 2018 in solidarietà con i prigionieri dell'Op. Panico, all'epoca in carcere.


Gli/le altrx imputatx sono statx condannati a pene che vanno dai 7 agli 8 mesi per reati minori.


Accogliamo felicemente questa notizia in quanto vede di molto ridimensionata tutta l'impalcatura accusatoria e costituisce un buon segnale per quanto riguarda il secondo grado di giudizio,che avrà luogo a Roma Martedi 30 Maggio 2023.


Approfittiamo di questa occasione per mandare un forte saluto solidale e di vicinanza a tuttx i prigionierx anarchicix e ribellx nel mondo.


Per la liberazione totale!


Che crolli ogni potere, che viva l’anarchia!"

10 months ago
Ex Lavatoio Occupato
Via Benedetto Brin 21